Showing posts from tagged with: terapia strategica breve

Terapia Strategica Breve

Pubblicato il: ottobre 14, 2014 | 0 Commenti

La psicoterapia breve è un processo limitato nel tempo, rivolto ad un obiettivo circoscritto e ad un'azione preventiva mediante l'uso flessibile di diverse tecniche ed un ruolo attivo del terapeuta su pazienti selezionati motivati, in grado di procedere nell'autogestione delle proprie problematiche.

La Brief Strategic Therapy quindi analizza le cosiddette "Tentate Soluzioni”, o quelle soluzioni inefficaci, che svelano la struttura del problema, e cerca di costruire strategie alternative che interrompono il circolo vizioso fra soluzioni inefficaci e sintomo. Le tecniche impiegate agiscono sulla percezione problematica del paziente consentendogli il superamento delle resistenze e facendo fare piccole azioni che fanno arrivare a sperimentare le emozioni desiderate. In sintesi, il paziente giunge a superare una situazione per lui problematica senza riconoscerla come tale, perché la sua attenzione o il suo modo di vedere sono stati opportunamente guidati dal terapeuta.

Si tratta di un intervento terapeutico breve (tra 10-20 sedute) che si occupa da una parte di eliminare i sintomi invalidanti e/o i comportamenti disfunzionali per i quali la persona chiede aiuto, dall'altra, di produrre il cambiamento delle modalità attraverso cui questa costruisce la propria realtà personale e interpersonale. Di conseguenza, la Terapia Breve Strategica Sistemica rappresenta un intervento radicale e duraturo e non una psicoterapia superficiale e meramente sintomatica. A differenza delle tradizionali teorie psicologiche e psichiatriche un terapeuta strategico non utilizza nessuna teoria sulla “natura umana” e, di conseguenza, nemmeno definizioni relative alla “normalità” o “patologia” psichica. Seguendo quest'ottica il terapeuta strategico-sistemico si interessa della “funzionalità” o “disfunzionalità” del comportamento delle persone e del loro modo di rapportarsi con la propria realtà.

Quando ci troviamo di fronte ad una difficoltà – sia essa personale, relazionale o professionale - la prima cosa che ci viene da fare per risolverla è utilizzare una strategia che ci appare produttiva, magari perché ha funzionato nel passato per una difficoltà simile. Se la strategia scelta funziona, la difficoltà si risolve in breve tempo. Capita però, talvolta, che la nostra strategia non funzioni come ci saremmo aspettati e che questo ci porti a intensificare ulteriormente i nostri sforzi in quella direzione, dal momento che la soluzione pensata ci appare ancora la più logica, ovvia, o la unica possibile. Ma più applichiamo questo strategia più la difficoltà iniziale sembra non solo non risolversi, ma addirittura complicarsi, trasformandosi in un vero e proprio problema strutturato.

In questi casi sono proprio gli sforzi che la persona compie in direzione del cambiamento a mantenere la situazione immutata. Questi sforzi, da noi definite “Tentate Soluzioni”, messe in atto dal soggetto e dalle persone a lui vicine per cercare di risolvere il problema, finiscono per alimentare determinando così la persistenza del problema.

Questi tentativi di soluzione sono spesso riconosciuti dalla persona stessa come non funzionali, tuttavia non si riesce a fare altrimenti e si arriva a sviluppare così una radicata sfiducia nella possibilità di un cambiamento della propria situazione problematica.

Da un punto di vista strategico, quindi, per cambiare una situazione problematica non è necessario svelarne le cause originarie (aspetto su cui, peraltro, non si avrebbe più alcuna possibilità di intervento), ma lavorare su come questo si mantiene nel presente, grazie alla ridonante ripetizione delle “tentate soluzioni” adottate, da noi considerate “riduttori di complessità”. Per questo motivo, il terapeuta strategico, individuando come reagisce il paziente ovvero sulle sue Tentate Soluzioni, si focalizza fin dal principio della terapia sul bloccarle e rompere il circuito vizioso che si è venuto a stabilire tra le tentate soluzioni e la persistenza del problema. Per fare ciò si lavora sul presente piuttosto che sul passato, su “come funziona” il problema piuttosto che sul “perché esiste”, sulla ricerca delle “soluzioni” piuttosto che sulle “cause”.

Scopo ultimo dell'intervento terapeutico diviene così lo spostamento del punto di osservazione del soggetto dalla sua posizione originaria rigida e disfunzionale (che si esprimeva nelle “tentate soluzioni”) ad una prospettiva più elastica e funzionale, con maggiori possibilità di scelta. In questo modo la persona acquisisce la capacità di fronteggiare i problemi senza rigidità e stereotipia, sviluppando un ventaglio di diverse possibili strategie risolutive. L’intervento strategico è di tipo attivo e prescrittivo; produce risultati già dalle prime sedute. Se questo non avviene, il terapeuta è comunque in grado di modificare la propria strategia sulla base delle risposte date dal paziente, fino a trovare quella idonea a guidare la persona al cambiamento definitivo della propria situazione problematiche. La terapia breve strategica sistemica è sempre più usata nei contesti clinici, scolastici ed aziendali che negli ultimi anni sempre più spesso stanno richiedendo self-coaching interventi e attività atte al miglioramento personale.

terapia strategica breve verona, psicoterapia breve verona

Home

Pubblicato il: agosto 25, 2014 | 0 Commenti

Terapia Strategica Breve

La Terapia Breve Strategica Sistemica è un approccio originale alla formazione e alla soluzione dei problemi umani che presenta specifici fondamenti teorici e prassi applicative in costante evoluzione sulla base della ricerca empirica. Come funziona il problema, anziché perché esiste, è il focus clinico che contraddistingue il nostro approccio dalle convenzionali forme di terapia. Ciò gli ha permesso di diventare uno dei modelli di terapia più efficaci per risolvere i problemi psicologici.
Come Funziona?


In partenza:

Giornate di Supervisione per Ex Allievi CTS

Terapie, Servizi e Consulenze  


Depressione

Depressione: umore depresso quasi ogni giorno, per la maggior parte del tempo, ci si sente tristi e vuoti. L'interesse ed il piacere per le cose dimi

Abuso di Internet

Le psicoterapia breve applicata alle problematiche di abuso da internet

Chi siamo

giuliaGiulia Rinaldi è ricercatore associato presso il Centro di Terapia Strategica di Arezzo, associato al Mental Research Institute di Palo Alto CA.

Psicologa-psicoterapeuta, è iscritta all'albo degli psicologi della Toscana (n° repertorio 3487) ed è abilitata all'esercizio della psicoterapia.

Vai al Curriculum

 

 

michele dolci psicologoMichele Dolci è Psicologo Psicoterapeuta.

Ha conseguito la laurea, con lode, presso la Facoltà di Psicologia dell'Università di Padova ed è regolarmente iscritto all'Albo dell'Ordine degli Psicologi della Regione Lombardia con il n° 03/7693.

Vai al Curriculum

Ultime Notizie